MENU

La Festa di San Nicola. Bari si addobba per il santo patrono.

Da giorni l’aria è frizzante e, tra le vie brulicanti della città vecchia, si respira l’atmosfera magica che, da tempi immemori, contraddistingue il periodo natalizio.

Ma tra il 5 e il 6 dicembre accade qualcosa di speciale: il sacro fa l’occhietto al profano e Bari si raccoglie unanime attorno al suo santo protettore.

La lunga veglia di preghiera ha inizio la sera del 5, quando la basilica apre i battenti ai più devoti, che si preparano a trascorrere la notte in attesa della prima messa delle 5, annunciata dal suggestivo rintocco delle campane che invitano al massimo raccoglimento. Terminata la messa in un’atmosfera pregna di assoluta sacralità, sul sagrato dell’imponente basilica confluiscono anche coloro che hanno partecipato alla cosiddetta fiaccolata nicolaiana: cortei di fedeli che, a partire da tre differenti punti della città, hanno raggiunto la città vecchia fino a fondersi tra loro.

La giornata è scandita da un susseguirsi di cerimonie sacre e profane, di antichi rituali che si ripetono analoghi ogni anno e si susseguono senza attrito nel corso della giornata. È, ad esempio, ricorrente, dopo la prima messa, la colazione con cioccolata calda e savoiardi in uno dei coloriti bar del borgo antico. Nel corso della giornata, alle celebrazioni religiose che si ripetono ogni ora, si alternano pittoresche tappe gastronomiche in cui le tipiche sgagliozze, le popizze e le focacce baresi, sono un ottimo pretesto per dar sfogo alla socialità gioiosa del dì di festa.

Il fascino indelebile dei riti pagani si esplica, in particolare, nel rituale che si svolge attorno alla colonna da San Nicola e che ha per protagoniste le donne in età da marito. Si tratta di un rito propiziatorio in cui le giovani donne compiono giri attorno alla colonna del santo o lasciano biglietti con le loro preghiere ai piedi della sua statua affinché San Nicola le aiuti a trovare marito.

Le celebrazioni in basilica si concludono con la solenne messa delle 17.30 a cui segue la cerimonia simbolica della consegna delle chiavi della città al santo da parte del sindaco di Bari, a sancire la totale dedizione e la fede cieca dei baresi nell’onnipresente santo patrono.

La giornata termina, infine, con la processione con la statua del santo attraverso i vicoli della città vecchia, quindi con lo spettacolo pirotecnico nelle aree periferiche, che chiuderà tra barlumi, luci e colori questa giornata così attesa, intensa e magica.

11 December 2015 Comments (0) Riti e tradizioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Scarpe calcio scontatemigliori repliche orologi
Celine Outlet Fendi Bag Bugs The North Face Coupons Ferragamo Belt