MENU

Sulla scia del vincotto: i sapori dei dolci tradizionali natalizi

Grande ricchezza della Puglia, riconosciuta in Italia e non solo, è la sua capacità di essere preziosa e multisensoriale in ogni stagione e sotto tutti gli aspetti.

Tra questi, importante e apprezzata anche dai palati più raffinati, è la tradizione gastronomica, che assume le sue fragranze più autentiche proprio nel periodo natalizio, quando, tra i vicoli e le botteghe, si spandono gli odori caldi ed inebrianti delle deliziose produzioni dolciarie caserecce.

I borghi si accendono di luci e canti e c’è grande fermento tra le donne di casa che, fin dai giorni dell’Immacolata, introducono tra le proprie attività giornaliere la produzione di pettole, cartellate e focacce fracide, che allieteranno i sensi e uniranno gli animi nei tanto attesi pasti di Natale.

L’ingrediente dominante in buona parte di queste prelibatezze è il cosiddetto vincotto di fichi, che, ricopre o riempie questi dolci, così sfiziosi nell’aspetto e nel sapore. Il vincotto è frutto di un’antica tradizione, tramandata con sapienza di generazione in generazione. La sua lavorazione prevede un lungo e paziente lavoro di cottura dei fichi, poi passati al torchio o filtrati fino a creare uno sciroppo scuro e denso, dalla gradevole e avvolgente consistenza, simile a quella del miele, e dal sapore peculiare, a metà strada tra il dolce e l’amarognolo.

Il vincotto ricopre pettole e cartellate, infondendo loro un sapore inconfondibile ed incancellabile. Le pettole sono soffici frittelle di pasta lievitata dalla forma tondeggiante; le cartellate, invece, dalla caratteristica forma, che richiama quella di una corona o di una rosa dai bordi smerlati, hanno una consistenza più croccante e possono essere fritte o al forno, a seconda del gusto personale. Entrambe vengono prodotte anche in altre fantasiose varianti, che prevedono l’uso dello zucchero, del miele o della gelatina di mele cotogne, in luogo del più comune vincotto. Un tocco di gusto in più può essere dato dall’aggiunta di spezie profumate quali chiodi di garofano o bastoncini di cannella in pezzi.

Il vincotto è ingrediente essenziale anche nelle focacce fracide, panzerottini dalla pasta pallida e friabile, cotti al forno e ripieni con il vincotto, eventualmente arricchito da granella di noci, cannella e chiodi di garofano, preparato in modo da assumere una consistenza più corposa, che lo rende difficilmente distinguibile dalla marmellata.

Grazie a queste e a mille altre eccellenze gastronomiche, le tavole pugliesi sanno stupire anche a Natale e promettono un’inebriante ritorno alla tradizione antica e alla genuinità d’altri tempi: un’esperienza sensoriale unica ed indimenticabile che non potete assolutamente lasciarvi sfuggire!

11 December 2015 Comments (0) Food

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Scarpe calcio scontatemigliori repliche orologi
Celine Outlet Fendi Bag Bugs The North Face Coupons Ferragamo Belt